Commenti di Facebook

L'anorgasmia 30/03/2017

La disfunzione orgasmica ( anorgasmia ) si presenta come un'inibizione della componente orgasmica che crea l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo.

E' una condizione sessuale che se entra in gioco nell'aspetto penetrativo, la donna lamenta in quell'ambito la propria difficoltà ma può essere libera in aspetti non penetrativi o autoerotici.

Ci sono donne che hanno conosciuto la condizione orgasmica ed altre che non l'hanno mai incontrata.

L'orgasmo può essere chiaro, opaco o assente.

La reazione orgasmica comporta delle contrazioni ritmiche e involontarie avvertite nella zona pelvica, vaginale e corrisponde all'acme del piacere.

L'orgasmo è innescato dalla stimolazione del cappuccio clitorideo, conduttore di sensazioni erotiche e svilupparsi, come viene descritto dalle donne che lo provano, "più all'esterno o più

all'interno dell'accesso vaginale

Dentro-fuori

Letizia non provava l'orgasmo vaginale ma clitorideo: non so se ci sono due orgasmi, ma io l'orgasmo lo sento e lo vivo fuori, là, distante, piacevole ma non mi prende dentro, non lo sento dentro

ma fuori, come fosse staccato, isolato, meno coinvolgente. Mi piacerebbe che entrasse in me, che mi avvolgesse, che si irradiasse dentro la vagina, dentro il mio corpo, mentre lui sta là e non

cammina.

Orgasmo si- orgasmo no

Eleonora esprimeva la sua sofferenza e rabbia nel descrivere la sua difficoltà: l'orgasmo è per me una realtà conosciuta perché lo incontro nell'autostimolazione, lì lo percepisco e lo sento nel mio

corpo. Sono arrabbiata con il mio corpo perché quando ho l'occasione di fare l'amore mi lascia insoddisfatta, irritata e depressa,lì non si fa vivo e un desaparecido.

Distanza-vicinanza

In Lory la percezione di distanza-vicinanza rispetto alla possibilità orgasmica, l'avvertiva come percezione ansiosa, controllata, scaramantica: a volte mi sento distante dall'orgasmo, come

possibilità, a volte più vicina e la vicinanza mi crea ansia, perché penso se sarà la volta buona o l'ennesima delusione, e mi trovo lì ad ascoltare, osservare, pregare, a spingere, e lui si

allontana e mi lascia con una sensazione di sospensione e irritazione.

L'orgasmo virtuale

In Anna l'orgasmo non si è mai presentato. Lo conosce come realtà virtuale, presente nelle letture, nei racconti delle amiche, ma non in lei: mi fa una rabbia quando con le amiche parliamo di

uomini e di orgasmi, di piacere. Mi fa rabbia vedere i loro occhi che si illuminano, la loro tonalità di voce che cambia, la loro complicità nel descrivere un'esperienza che per me è ignota, non

condivisibile, lontana, che non fa parte di me. Appartiene a loro e appartiene a me tramite loro, virtualmente ma non come realtà corporea vissuta. nel mio corpo ma nel loro e questo mi crea

frustrazione, amarezza, impotenza. Non voglio rassegnarmi, voglio incontrarlo anch'io.

La disfunzione orgasmica e l'anestesia sessuale ( frigidità )

Se nell'anorgasmia la difficoltà risiede nell'impossibilità-incapacità di raggiungere l'orgasmo, nell'anestesia sessuale è la percezione delle sensazioni di piacere ad essere messa fuori gioco,la

difficoltà di avvertirle nel corpo e sentirle nella mente. La perdita o la mancanza di attrattività per il piacere procura disinteresse e può smorzare e portare ad una mancanza di desiderio

coinvolgendo non solamente l'atto sessuale ma anche l'intimità sessuale.

L'inverno nel corpo

Eva: per descrivere quello che provo descrivo quello che non provo, l'assenza di sensazioni corporee piacevoli. Il mio corpo non me le manda, è muto, come avere un corpo anestetizzato, un inverno

corporeo. Aspetto la primavera, il risveglio, i fiori colorati, il vento primaverile, ma non si presenta, sembra di vivere al polo artico, freddo, coperto di neve, sole tiepido che non scalda, niente mi

scalda e niente si scioglie.

Il sortilegio

Per Emma il proprio corpo è come sotto sortilegio, un sortilegio malefico: mi sento come la" bella addormentata", io sono vigile ma il mio corpo è come addormentato, come sotto l'effetto di un

maleficio. Ci sono stati dei "principi azzurri" che mi hanno baciato, convinti e fiduciosi, sicuri che il loro bacio mi avrebbe liberato e avrebbe liberato il mio corpo dall'incapacità di provare

sensazioni piacevoli, ma... niente si è mosso e i principi delusi e un pò irritati mi hanno lasciato.

Avrei bisogno di un bacio caldo che mi sciogliesse e creasse quei brividi di piacere che non sento o sono bloccati e imprigionati dall'incantesimo.

La cura dell'anorgasmia

La cura psicosessuologica dell'anorgasmia, modulando esperienze corporee e sensoriali con l'approccio psicodinamico, crea un terreno favorente per l'acquisizione dell'esperienza orgasmica e il raggiungimento dell'orgasmo nell'atto sessuale penetrativo.


Come raggiungerci

Il nostro indirizzo

36100 - Vicenza (VI) Veneto
Contrà S. Caterina, 10
Distanza dal centro: 0,85 Km
Telefono: 3472510168
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Referente
Dott. Marchet Luciano
Mail
lmarchet@alice.it
Web
http://www.sessuologiavicenza.it

Il nostro indirizzo

36100 - Vicenza (VI) Veneto
via Quasimodo, 55
vicenza
Distanza dal centro: 2,81 Km
Telefono: 0444282626
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Web
http://www.sessuologiavicenza.it

Il nostro indirizzo

37139 - Verona (VR) Veneto
via Puglie, 24
Verona
Distanza dal centro: 4,02 Km
Telefono: 0458104760
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Web
http://www.sessuologiavicenza.it