Commenti di Facebook

I tempi nell'intimità sessuale dell'universo maschile 30/03/2017

In questo articolo, il Dott. Luciano Marchet Psicoterapeuta Vicenza affronta una tematica delicata ma molto interessante: i tempi nell'intimità sessuale dell'universo maschile.

Il tempo che scandisce l'intimità sessuale nell'universo maschile è il tempo del desiderio, il tempo della rispondenza erettiva, il tempo dell'orgasmo ed il tempo del post-orgasmo.

Possono essere tempi naturali che prendono forma all'interno di una persona o tempi costretti, in cui ci si sente pressati e che non coincidono con quello che proviamo o non proviamo, che non hanno preso forma o non hanno preso forma dentro di noi.

Il tempo del desiderio

Il desiderio non sempre è presente quando ci si aspetta di trovarlo e alle volte lo si sente quando non ci si aspetta di provarlo. Se si segue un aspetto ordinato di pensiero probabilmente il non trovarlo può creare un aspetto caotico, di smarrimento, ansia ed incertezza. Non possiamo costringersi a desiderare se non è in noi, possiamo solo accoglierlo nel momento in cui è nato.

Il tempo dell'insorgenza erettiva

Il tempo dell'insorgenza erettiva è il tempo in cui l'erezione prende forma; ci si può trovare in erezione oppure si può facilitarla, può nascere o non nascere o crescere a stento o bloccarsi nella crescita, non c'è garanzia. L'obbligatorietà erettiva preme sul tempo, sottolinea il tempo dell'efficienza erettiva e spesso allontana nel tempo l'erezione. Liberare il pene dall'obbligatorietà, libero di averla o di non averla o di doverla avere in quel tempo crea agevolazione erettiva e facilita la certezza erettiva e non dubitativa.

I tempi dell'orgasmo

I tempi dell'orgasmo sono sottolineati nell'eiaculazione precoce, nell'eiaculazione ritardata e nella aneiaculazione. Nell'aneiaculazione l'orgasmo non da segni di sé, non si presenta, é latitante è in un tempo sospeso. Nell'eiaculazione precoce l'orgasmo si presenta in un momento non opportuno.
Nell'uomo i pensieri vengono descritti come: "ho paura di venire", "sono troppo eccitato", "speriamo di trattenermi", "oddio adesso mi viene".

Nella donna, ci sono compagne che reagiscono con la rassicurazione: "non fa niente, l'importante è amarsi", oppure " andrà meglio la prossima volta", oppure hanno un'espressione che è tutta un commento. Altre: " già fatto?," sei un centometrista","tutto qua?, "quello che avevo prima, quello si che resisteva", portano il tempo dell'orgasmo ad un tempo misurabile e definibile, minuti, spinte, dare tempo all'altro. Già il termine eiaculazione precoce ci porta in un tempo in anticipo rispetto ad un tempo prevedibile e atteso.

L'eiaculazione: l'orgasmo può arrivare in un momento opportuno o inopportuno, se prende forma in un momento non opportuno diventa problema.

L'aneiaculazione: l'assenza di eiaculazione rimanda ad un tempo di attesa, un tempo sospeso, dove rimane la speranza che ciò che si aspetta, l'orgasmo, possa presentarsi e non deluda, che si faccia vedere, che tu possa incontrarlo. Spesso la delusione rimanda alla speranza di incontrarlo in un prossimo futuro o alla rassegnazione di non poterlo conoscere.

L'eiaculazione ritardata: l'orgasmo ritardato o assente nel coito, porta ad un tempo di difficoltà, difficoltà di raggiungere l'orgasmo, in cui senti la distanza o la lontananza dalla possibilità orgasmica. Come negli appuntamenti sei lì che lo aspetti ma poi non si fa vivo o si presenta molto in ritardo ma poi si presenta. Oppure può emergere in un altro luogo ed in un altro tempo, come fosse andato in letargo e poi risvegliato.

Il tempo della cura

Il tempo della cura può emergere dentro di noi o fuori di noi. Se prende forma all'interno si comincia a sentire il bisogno di prendersi cura del problema, perché lo avvertiamo come un problema, se viene dall'esterno il problema è avvertito fuori di te, come qualcosa che ricade sull'altro o coinvolge l'altro.
La risultante è che posso farlo per me, perché lo sento in me o per l'altro, perché ci tengo a lui, oppure perché mi spinge, mi costringe a farlo.

Il tempo del prendersi cura risente dell'urgenza, sofferenza, limitazione, orientamento-disorientamento rispetto al fare, presenza-assenza dell'altro.

Questi problemi possono rimanere ibernati, scongelarsi,rimanere in un tempo sospeso e dormienti, nonostante le possibilità di cura.


Come raggiungerci

Calcola il percorso


Il nostro indirizzo

36100 - Vicenza (VI) Veneto
Contrà S. Caterina, 10
Distanza dal centro: 0,85 Km
Telefono: 3472510168
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Referente
Dott. Marchet Luciano
Mail
lmarchet@alice.it
Web
http://www.sessuologiavicenza.it

Il nostro indirizzo

36100 - Vicenza (VI) Veneto
via Quasimodo, 55
vicenza
Distanza dal centro: 2,81 Km
Telefono: 0444282626
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Web
http://www.sessuologiavicenza.it

Il nostro indirizzo

37139 - Verona (VR) Veneto
via Puglie, 24
Verona
Distanza dal centro: 4,02 Km
Telefono: 0458104760
Partita IVA: IT 01345460248
Responsabile trattamento dati: Dott. Luciano Marchet


Info contatto scrivi una mail

Web
http://www.sessuologiavicenza.it